sabato 21 maggio 2011

I misfatti di Pisapia

Un’onda ilare e incontenibile scuote in questi giorni il web e i social network. Migliaia di persone si divertono a inventare le malefatte più strepitose, sordide e inverosimili a carico di Giuliano Pisapia, candidato del centrosinistra a sindaco di Milano. Ovviamente, tutto nasce dalla panzana che il sindaco uscente Letizia Moratti ha sparato nel disastroso (per lei) faccia a faccia televisivo: Pisapia ha rubato un’auto per aiutare i terroristi. Su siti come www.pisapiafacts.it e su varie pagine Facebook si possono leggere sequenze esilaranti di post come questi: «Pisapia ruba il cibo a Fassino. Pisapia non viveva un'emozione così forte (47%) dall'ultima volta che ha rubato una macchina. Pisapia ruba le dentiere alle vecchiette e ci suona le nacchere nei centri sociali. Pisapia è senza cuore perché non aiuta le minorenni bisognose. Piove, Pisapia ladro».
È la manifestazione rincuorante di un’atmosfera mutata dopo il primo turno elettorale del 15 maggio. Fino a una settimana fa il dibattito pubblico e privato s’intonava a coloriture plumbee, la visuale era di tipo catastrofico, e il riso, quando c’era, suonava amaro. Ora sembra che un incantesimo sia infranto. L’aggressione verbale, tipica della strategia comunicativa intimidatoria del berlusconismo, si è rivelata una pistola scarica. E a scoprire il bluff non sono state né le alchimie parlamentari, né le campagne giornalistiche, né le inchieste giudiziarie, bensì il fattore davvero determinante: il voto. Così il popolo del dissenso ha preso coraggio, e ora sommerge le cassandre della destra con i materiali da lancio che sono da sempre i più micidiali: l’ironia, la derisione, la satira.
«Una risata vi seppellirà» è uno degli slogan più celebri del ’68. Prendendolo alla lettera, qualche solone spiegherà che purtroppo non è vero. Invece la satira e la dissacrazione sono il sintomo e la premessa dei cambiamenti. Andare a vedere le carte, rovesciare il gioco dell’avversario, ridicolizzare le sue formule propagandistiche: può diventare una strategia. Ci riuscì la campagna elettorale pugliese di Nichi Vendola nel 2005, con i fortunati slogan di Proforma: «Diverso, Sovversivo, Pericoloso» (che tanto preoccupavano le anime timorose del centrosinistra); un metodo ripreso nel 2010, quando i sagaci comunicatori misero in rima il programma del Governatore della Puglia, che i denigratori accusavano di essere nient’altro se non «un poeta».
Non sappiamo come andrà il ballottaggio a Milano, Napoli, Trieste, Cagliari. Certo è che l’intera partita si è riaperta. Abbiamo buone ragioni per sperare; ragioni che si respirano, per così dire, nel buon umore. Persino l’arroganza del premier – che sequestra cinque canali televisivi nazionali per ammannire i soliti sproloqui contro i comunisti, gli zingari e i centri sociali – se ci indigna, non ci spaventa più. Il Padrone si toglie la maschera e gioca tutte le sue carte per la sopravvivenza. Ma questo è l’ultimo capitolo della storia. Non è detto che l’epilogo ci piacerà, ma per il momento ci stiamo provando gusto.


1 commento:

Teresa ha detto...

quando si inizia a sorridere di un proprio male emotivo la guarigione è molto vicina

Posta un commento